Vini Demeter Domaine Château l'Évêque

Nel momento in cui ci mettiamo in viaggio per Jussy, per prima cosa diamo un’occhiata alla cartina della Svizzera, poiché Jussy si trova piuttosto lontano, nell’angolo più orientale del cantone di Ginevra, al confine con la Francia. L’incantevole regione è da sempre una specie di posto nascosto. Un tempo, i vescovi di Ginevra, i quali erano già a conoscenza della buona qualità dei terreni, avevano qui la loro sede fissa. Infatti, già nel Medioevo avevano predisposto la coltivazione della vigna a Jussy. La fortezza dei vescovi è ormai storia, ciò che è rimasto sono le vigne e il nome: Domaine Château L'Évêque.

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

Incontriamo Martine e Alexandre Mévaux durante la potatura delle vigne. In inverno i ceppi vengono spuntati, più che altro quelli più deboli. È un chiaro e tranquillo giorno di dicembre, nella vigna non c’è molta vita. È il momento ideale per accompagnare le vigne nel letargo invernale e curare il terreno. Per questo, tra l’altro, si lasciano sparse le foglie per la formazione di humus. La base del vitigno viene ben ricoperta con la terra per proteggerla dal vento freddo e dalle condizioni del tempo.

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

Demetra è la dea greca della fertilità della terra. Non per niente il terreno per i Mévaux rappresenta la base per un vino con affinato terroir e biodinamico. Per la sua produzione si rifanno con piacere a trucchetti di metodi tradizionali. Un bel esempio è il “corno letame”: questo si prepara riempiendo di letame le corna e poi sotterrandole durante l’inverno. Una volta disseppellite, dopo Pasqua, il letame si è trasformato in una sostanza terrosa molto pregiata. Questa viene mescolata con acqua piovana attiva e cosparsa per i campi. Il corno deve concentrare le forze terrestri, affinché riesca a vitalizzare il terreno e rendere i campi un vero e proprio corno dell’abbondanza colmo di frutti eccezionali. Alexandre ci mostra un campione di questa preziosa terra. Un altro metodo è l’utilizzo del quarzo fine. La farina con silicio aiuta a stimolare la fotosintesi nei vitigni. Per Martine e Alexandre questi metodi tradizionali sono anche un’espressione di una coltivazione integrata e biologica del vino, la quale sta loro molto a cuore.

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

Oltre ai lavori nei vigneti è anche essenziale l’accompagnamento dei vini in cantina. Il Domaine Château L'Évêque predilige l’elevamento in bigonce in calcestruzzo, mentre i grandi Cuves per il Gamaret e quelle a forma di uovo per lo Chardonnay. I Mévaux puntano sul calcestruzzo, poiché è in grado di conservare il vino con una perfetta dose di ossigeno. Il risultato sono vini autentici, che manifestano l’intera forza della natura intorno a Jussy. Il Gamaret "Lullier" entusiasma come vino rosso intenso, speziato con note di pepe, una bella freschezza e meravigliose tonalità fruttate e minerali. Un bel esempio di ciò che è possibile fare con dei relativamente giovani svizzeri di nuova coltivazione da Gamay e Reichensteiner. Lo Chardonnay "Jeanne-de-Jussie" è un vino bianco dal colore oro brillante con una bella fruttuosità e freschezza. Al gusto con sfumature di burro e sale. È proprio così che deve essere uno Chardonnay.

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

Domaine Château L'Évêque Chardonnay Jeanne de Jussie Genève AOC

Vino dal colore giallo chiaro. Bouquet delicato di mele Boskop mature e frutta esotica. Al gusto fruttato con sfumature di mango, mela, pera e limetta agrodolce. Acidità delicatamente integrata e succosa. Dal retrogusto persistente, minerale e intenso. Uno Chardonnay classico molto equilibrato.

 

1_Origine Content Hüpfenboden_Emmentaler_Lanschaft_1

 

Domaine Château L'Évêque Gamaret Lullier Genève AOC

Vino dal colore rosso rubino intenso. Al naso di grande intensità espressiva, coniato da frutti neri come more e cassis, note speziate di pepe nero e un po’ di fumo. Al gusto mediamente importante con morbidi tannini. Nuovamente molta frutta scura e delicate note speziate. Dal piacevole e vellutato retrogusto.

 

Livelli di sostenibilità
Ulteriori condizioni di produzione
Bio Bio
Elevate richieste, certificate di biodiversità nella coltivazione Nessun utilizzo di pesticidi chimici-sintetici Nessun utilizzo di pesticidi chimici-sintetici
Good Better Best
Standard legali
Domaine Château L'Évêque Chardonnay Jeanne de Jussie Genève AOC, 6 x 75 cl .
Domaine Château L'Évêque Gamaret Lullier Genève AOC 6 x 75 cl .