Pasta biologica Marella

“È il tempo a fare la differenza”.

Questa è la semplice spiegazione di Antonio Marella riguardo a ciò che distingue una pasta normale da un’ottima pasta. Il fattore tempo qui in Puglia ha un ruolo importante e ce ne saremmo dovuti accorgere già quando la nostra pazienza fu messa alla prova a causa del ritardo del volo. Ma, cosa hanno a che fare tempo e pazienza con la pasta? Anche per un prodotto apparentemente semplice come la pasta, il tempo è la ciliegina sulla torta. Su questo tema torneremo più in là. Innanzitutto, è bene spendere due parole sulla materia prima e sulla felicità: Antonio Marella acquista la semola di grano duro biologica da un mulino della vicina Altamura che produce esclusivamente grano proveniente dalla zona rurale circostante. Saragolla, Senatore Cappelli o Quadrato sono le principali varietà di grano dai nomi melodiosi.

.

 

Antonio Marella trova, giustamente, che il terroir non dovrebbe essere limitato solo a prodotti come vino od olive.

L’essiccazione rappresenta un fattore ancora più importante poiché occorre molto tempo. A parte l’essiccazione, ciò che distingue ulteriormente la pasta Marella è il suo processo di lavorazione “trafilata al bronzo”. L’impasto viene accuratamente lavorato grazie a trafile in bronzo che rendono eccezionale e leggermente ruvida la superficie degli Spaghetti e delle Penne. Anche da questa caratteristica si capisce che la pasta è stata prodotta lentamente e con molta cura. Dopo il processo di trafilatura, la pasta viene accuratamente posizionata per l’essiccazione su dei tradizionali telai in legno ricoperti da un tessuto. Gli Spaghetti vengono appoggiati sui telai e tagliati a mano alla giusta lunghezza.

.

.

.

Nel piccolo pastificio Marella la lavorazione artigianale è ancora una grande tradizione.

E, adesso, parliamo finalmente del tempo, ovvero, del processo di essiccazione. In grandi armadi adibiti per l’essiccazione, la pasta viene poggiata su dei telai dove riposa per ben 48 ore a 37 °C, mentre gli Spaghetti per 72 ore. Il lungo periodo di essiccazione rappresenta il fattore principale nella produzione ed è ciò che contraddistingue la pasta artigianale dal prodotto industriale.

.

.

 

La delicata essiccazione della pasta permette all’umidità di fuoriuscire molto lentamente, lasciando un gusto più intenso. Inoltre, questa pasta è più secca rispetto a quella industriale. Infatti, con soli 100 grammi di pasta si ottiene un bel piatto, poiché, a differenza della pasta industriale, questa è in grado di assorbire più acqua e, di conseguenza, essere più voluminosa.

.

Ciò che resta in essa è pura felicità. Una buona pasta contiene il triptofano in modo naturale, un aminoacido aromatico che non può essere prodotto dall’uomo, ma che si trova in alimenti come il riso o la pasta. Quanto più la pasta viene essiccata delicatamente - come la pasta Marella - tanto più riesce a contenere del triptofano. Il triptofano aiuta ad aumentare il livello di serotonina che ha un effetto calmante ed è anche descritto come aminoacido in grado di ridurre il peso. La pasta è davvero in grado di rendere felici!


.

.

.

Livelli di sostenibilità
Passaggio totale dell‘attività
Bio Bio
Elevate richieste, certificate di biodiversità nella coltivazione Nessun utilizzo di pesticidi chimici-sintetici Nessun utilizzo di pesticidi chimici-sintetici
Good Better Best
Standard legali
Bio Pasta Marella Spaghetti, 5 kg .
Bio Pasta Marella Penne rigate, 5 kg .
Bio Pasta Marella Orecchiette, 5 kg .